DEMONEROSSO
Search Dainese

    Come scegliere la taglia perfetta della tuta

    Di DemoneRosso | 05 febbraio 2021 | 1 min

    La tuta, la vera pelle del motociclista. Un sottile strato di cuoio che ci protegge da tutto, dalle intemperie, dall'asfalto e dai cattivi pensieri. Quando si chiude la zip e si abbottona la tirella non esiste nient’altro che tu e la tua moto.

    Ma per permettere alla tuta di assolvere il suo compito di armatura è necessario che questa calzi come un guanto. Bastano pochi accorgimenti per sincerarsi che la vestibilità sia perfetta, per essere certi di avere una tuta comoda, protettiva e, soprattutto, della taglia giusta.

     
    • Innanzi tutto, è necessario distinguere tra tute intere e tute divisibili: la divisibile è sviluppata essenzialmente per l’utilizzo stradale. La sua calzata e la pre curvatura sono studiate in questo senso, quindi per una posizione di guida eretta e più rilassata. La tuta intera, invece, è disegnata sulla posizione di guida da pista. Gli angoli di braccia e gambe sono più marcati ed è naturalmente curvata in avanti, in modo da risultare più comoda e non aver abbondanze di pelle una volta posizionati in carena.
     
    • La tuta va sempre provata in posizione di guida: quando si indossa una nuova tuta per la prima volta, in negozio, è normale che questa tenda ad esercitare una certa pressione nella zona superiore. Il motivo è semplice: la tuta deve risultare comoda in posizione di guida, non in piedi.
    RR QUADRO

    Mugello RR D-air®


    Semplicemente, la tuta racing Dainese più avanzata mai realizzata.
    Acquista ora
     
    • Una volta indossata, bisogna controllare che ci siano meno abbondanze di pelle possibili, queste possono creare attriti non desiderati in caso di caduta e innescare pericolosi rotolamenti. Una tuta troppo larga, inoltre, non garantisce il corretto posizionamento dei vari protettori presenti al suo interno.

     

    • Gli elastici, spesso relegati in secondo piano, sono invece elementi fondamentali per la corretta calzata di una tuta. Presenti su schiena e ginocchia, questi devono essere in leggera tensione già da fermi. Avere l’elastico leggermente teso garantisce due aspetti: la pelle è già in tiro, per evitare le abbondanze di cui sopra, ma rimane sufficiente gioco per seguire il corpo nei suoi movimenti una volta in sella.

     

    • Bisogna tenere conto del fatto che la pelle, con l’uso, cede e diventa più comoda. È normale e giusto, quindi, che da nuova risulti leggermente stretta.

     

    • Ricorda sempre di provarla assieme ai tuoi stivali e ai tuoi guanti. La perfetta integrazione è fondamentale per avere un controllo ottimale sui comandi della moto.

    PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

    DAINESE21M.00004R0_SN006156_CLOSEUP05 (2)

    Mugello RR D-air®

    Acquista ora
    DAINESE21M.00004DY_SN005686_CLOSEUP01 (1)

    Laguna Seca 5

    Acquista ora
    DAINESE21M.00004DW_SN005684_CLOSEUP01 (1)

    VR46 Tavullia

    Acquista ora

    ARTICOLI CORRELATI

    Motorbike | History

    Tutte le tute in pelle di Valentino Rossi

    Dalla prima all’ultima. 30 anni di protezione ed innovazione
    Motorbike | Tech

    Prima volta in pista?

    10 elementi essenziali per prepararsi a un track day