DEMONEROSSO
Search Dainese

    Lo sviluppo di Sea-Guard, il corpetto da regata di Luna Rossa Prada Pirelli e Emirates Team New Zealand

    Di DemoneRosso | 11 febbraio 2021 | 1 min

    Contenuti dell'articolo

    Lo sviluppo delle imbarcazioni di America’s Cup porta le prestazioni a livelli mai raggiunti
    Le nuove velocità e le forze in gioco estreme portano anche nella vela il bisogno di sicurezza
    Luna Rossa Prada Pirelli e Emirates Team New Zealand si rivolgono a Dainese per la protezione degli atleti
    Dalla collaborazione con i migliori team di America’s Cup nasce il corpetto Sea-Guard
    Sea-Guard unisce all’esperienza di Dainese nelle protezioni le capacità di galleggiamento indispensabili in regata
    Per Luna Rossa Prada Pirelli ed Emirates Team New Zealand vengono realizzati prodotti artigianali su misura

     

    La repentina evoluzione di cui sono state protagoniste le barche della classe America’s Cup negli ultimi anni le ha portate a raggiungere velocità mai nemmeno avvicinate. Sfiorare i 100 km/h sull’acqua espone gli equipaggi a rischi del tutto nuovi. Cadere in mare a quella velocità è come cadere sull’asfalto di un circuito. Per questo è necessario prepararsi adeguatamente. 

    ETNZ_JS_201218_0155

    Emirates Team New Zealand e Luna Rossa Prada Pirelli, team in corsa per la conquista della 36° America’s Cup presented by PRADA, hanno chiesto supporto a Dainese per proteggere i propri atleti su imbarcazioni sempre più raffinate e tecnologiche, le barche a vela più veloci al mondo, capaci oggi di raggiungere i 50 nodi.  

     

    La contaminazione da altri sport 

    Il progetto per realizzare il nuovo corpetto da vela nasce dallo studio delle esigenze degli atleti. Nelle regate di Coppa America gli equipaggi hanno bisogno di flessibilità, leggerezza e ingombro contenuto, necessità simili a quelle degli atleti di mountain bike. Sfruttando l’esperienza maturata nelle competizioni, Dainese dà vita ad un protettore che richiama numerose caratteristiche dei capi da downhillLa scelta ricade sui protettori morbidi, capaci di soddisfare al meglio le richieste di protezione e libertà di movimento 

    Il primo prototipo di Sea-Guard è derivato dalle protezioni per la mountain bike, e offre sicurezza dove serve in mare: schiena, petto e clavicole. Il corpetto viene spedito direttamente alle squadre, per essere messo alla prova. Grazie al responso dei due team, Sea-Guard si evolve per adeguarsi alle dinamiche del mondo della vela. Un aspetto non considerato nella pratica della mountain bike è il galleggiamento, essenziale in mare e caratteristica richiesta espressamente dal regolamento di Coppa America. È qui che nasce la prima vera sfida di prodotto. 

    IMG_8068_1_2 LunaRossaCagliari20cb_24180_2

    Nuove sfide di prodotto 

    La protezione dagli impatti è uno dei punti su cui Dainese lavora da sempre, ma il tema del galleggiamento è qualcosa di totalmente nuovo. Il lavoro svolto in sinergia tra il dipartimento Ricerca e Sviluppo Dainese e i team porta ad una soluzione che applica cuscinetti galleggianti sul lato interno dei pannelli protettivi, sia sulla schiena che sul petto. È così che si ottiene la necessaria certificazione per il galleggiamento. 

    Il passo successivo è quello per ottenere, nonostante gli spessori maggiori dei protettori, ora galleggianti, una vestibilità e libertà di movimento ottimali. Leggerezza e comfort sono fattori fondamentali nello sviluppo di qualsiasi capo protettivo per lo sport: senza di essi il capo stesso non può mettere l’atleta nelle condizioni di esprimersi al meglio e perde quindi tutta la sua efficacia.  

     

    Luna Rossa Prada Pirelli

    LR-1 LR-2

    La versione Luna Rossa Prada Pirelli è realizzata in tessuto Prada, un materiale pregiato, elastico, estremamente leggero e resistente. La protezione sulla schiena si estende fino al coccigea protezione delle vertebre lombari. Sul corpetto del team italiano troviamo una sacca idrica nella zona superiore della schiena, tecnologia mutuata dalle tute della MotoGP, utile a idratarsi in ogni momento, per mantenere la concentrazione e l’efficienza fisica sempre al massimo. Sul fianco destro è presente un compartimento per ospitare una piccola bombola d’ossigeno, per le situazioni d’emergenza. Altri elementi del corredo essenziale degli atleti sono un sistema d’interfono, per comunicare con il resto del team e con il direttore di gara, e un coltello per tagliare le cime in situazioni critiche.  

     

    Emirates Team New Zealand

    La versione di Emirates Team New Zealand è realizzata in materiale tecnico e presenta caratteristiche di vestibilità differenti. È corto ed essenziale, per privilegiare la libertà di movimento. Nella zona posteriore, sul fianco sinistro, è presente la tasca per ospitare la bombola d’ossigeno. L'equipaggiamento protettivo Dainese di Emirates Team New Zealand non si ferma al corpetto Sea-Guard. Il team down under indossa uno speciale casco disegnato da Aldo Drudi, ecco ancora forti legami con gli altri sport e una diffusa contaminazione di tecnologie. Il casco reca l’immancabile Felce argentata, simbolo delle squadre sportive nazionali neozelandesi.  

    ETZ-1 ETZ-2

     

    Dall’asfalto del motomondiale all’oceano dell’America’s Cup, passando per i sentieri della Coppa del Mondo di downhill, Sea-Guard è frutto di una ricerca sinergica assieme ad eccellenze mondiali. Fusione di tecnologie e know how, sviluppati ai massimi livelli dello sport. 

    ARTICOLI CORRELATI

    Sailing / People

    America’s Cup: testa a testa tra leggende della vela

    Luna Rossa Prada Pirelli e Ineos Team UK si sfidano per il titolo di Challenger
    Sailing / History

    La storia dell'America’s Cup, il trofeo sportivo più antico del mondo

    La sfida tra Luna Rossa Prada Pirelli ed Emirates Team New Zealand è la numero 36 nella storia della vela