DEMONEROSSO
Search Dainese

    I pionieri delle pieghe estreme

    Di DemoneRosso | 10 marzo 2021 | 1 min

    Ben oltre vent’anni prima di quanto si creda, già c’erano piloti che sfioravano i cordoli con i gomiti, o addirittura che strisciavano proprio. 

    Era il 1988 e un certo Jean Philippe Ruggia, protagonista della classe 250 su Yamaha, aprì un nuovo capitolo nella storia della tecnica di guida. Si correva a Donington, Inghilterra, era la dodicesima prova del campionato. Per la prima volta un pilota venne fotografato con il gomito che strisciava a terra.  

    La 250 era la cilindrata perfetta. Le 125 erano più agili ma le gomme erano troppo strette per raggiungere simili angoli di piega, le ben più potenti 500 d’altro canto non avevano bisogno di tutta questa velocità in percorrenza di curva. Fu con questo gesto, eseguito in serie di lì in avanti, che il francese si guadagnò un posto di rilievo nella storia del motociclismo. 

    Qualche anno più tardi la mossa fa ripetuta da Max Biaggi, ancora sulla 250. All’epoca il romano era il re indiscusso della categoria e uno dei piloti più in luce. Dopo di lui un vuoto di quasi vent’anni, fino ad arrivare tempi più recenti, con l’affinarsi della tecnica e soprattutto delle gomme, questa volta in tutte le categorie. 

    _TIN3591

    Se negli anni 90 le soluzioni erano artigianali, anche perché la necessità era limitata a pochissimi piloti, nel periodo più recente della MotoGP i produttori di abbigliamento sono arrivati ad implementare dei veri slider sui gomiti. Il concetto è lo stesso delle saponette per le ginocchia: trovare un nuovo punto di appoggio e di contatto con la pista, ad angolazioni estreme. 

    Anche qui, come nel caso dei knee slider, l’evoluzione coinvolge forma e modalità d’ancoraggio alla tuta. La prima versione, ancora in uso da molti piloti, è particolarmente ampia ed è applicata alla tuta ad incastro, tenuta salda da due viti. La versione più aggiornata ha una superficie ridotta, assicurata alla tuta tramite sgancio rapido. La forma del secondo step di slider è il risultato di un’analisi su quale sia l’area più utilizzata nella prima versione. L’obiettivo? Ridurre il peso per massimizzare la performance. 

    Dalle tute dei piloti alla produzione in serie il passo è breve. L'Elbow slider è arrivato nel giro di qualche anno sulle tute di alta gamma, per scendere poi a cascata su più prodotti, comprese le giacche più sportive per uso stradale. Questo stile di guida che pochi anni fa sembrava appannaggio esclusivamente dei migliori piloti professionisti. Oggi è raggiungibile e imitabile da tanti appassionati, purché supportati a dovere da equipaggiamento tecnico di primo livello, dalle gomme all’abbigliamento. 

    mir_2019_aragon__2

     

    ARTICOLI CORRELATI

    Motorbike / People

    VALENTINO’S SECRET ROOM | EPISODE 3

    A Knight’s Armor
    Motorbike / Inspiration

    Nico Cereghini: Il passeggero va istruito bene

    I consigli dell'esperto per godersi la moto in compagnia, in tutta sicurezza