DEMONEROSSO
Search Dainese

    L'evoluzione tecnica e l’introduzione dei foil, le ali per volare sull’oceano

    Di DemoneRosso | 04 marzo 2021 | 1 min

    Contenuti dell'articolo

    Lo sviluppo tecnico delle barche a vela di America’s Cup ha raggiunto l’apice con i monoscafi volanti AC75
    Grazie alla presenza di appendici mobili, i foil, gli scafi escono completamente dall’acqua, diminuendo l’attrito e aumentando la velocità
    Le velocità raggiunte oggi sono impressionanti, raggiungono i cinquanta nodi, quasi cento chilometri orari
    Le forze in gioco aumentano e così i rischi. Ogni incidente ad alta velocità può avere conseguenze più serie rispetto ad un tempo
    È per questo motivo che entrambi i team finalisti nel match di America’s Cup si proteggono con il corpetto Dainese Sea-Guard

    La 36^ America’s Cup presented by PRADA è pronta al via in Nuova Zelanda, al largo di Auckland. Luna Rossa Prada Pirelli ed Emirates Team New Zealand, rispettivamente challenger e defender, si incontreranno in una serie di regate che eleggeranno la barca a vela e l’equipaggio più veloci di tutti i mari. Entrambi i team indossano Dainese Sea-Guard, un corpetto protettivo sviluppato appositamente per le regate. Ma perché questi atleti hanno bisogno di proteggersi? 

     

    Le barche di classe AC75 

    Le imbarcazioni di America’s Cup sono state protagoniste di uno sviluppo vertiginoso che le ha portate, nel giro di pochi anni, dall’essere monoscafi tradizionali ad essere dei monoscafi volanti. Un monoscafo volante ha la peculiarità di essere dotato di foilappendici mobili comandate da un sistema idraulico e posizionate sui lati dello scafo che, creando portanza, permettono alla barca di alzarsi e di uscire letteralmente dall’acqua, lasciando immerse solamente le parti terminali dei foil stessi, o di uno di essi, e il timone. 

    Il principio fisico alla base di questo fenomeno è lo stesso che sta alla base del volo degli aerei. Raggiunta una certa velocità, analogamente a ciò che succede ad un aeroplano con l’aria, la forza perpendicolare alla direzione di moto spinge verso l’alto il corpo e ne permette l’innalzamento durante la navigazione. In sostanza, il foil immerso in acqua si comporta come un’ala fa nell’aria. 

     

    header_7-1

    La storia dell'America’s Cup, il trofeo sportivo più antico del mondo


    La sfida tra Luna Rossa Prada Pirelli ed Emirates Team New Zealand è la numero 36 nella storia della vela

    Continua a leggere

    Perchè far uscire lo scafo dall’acqua? Così facendo si riduce drasticamente l’attrito e ne giova notevolmente la velocità. Le punte che vengono toccate ora sfiorano i 50 nodi, quasi 100 chilometri orari. Le barche sono evolute al punto che gli scafi sono disegnati seguendo le leggi dell’aerodinamica, più che quelle dell’idrodinamica, visto che rimangono immersi solamente da fermi e nelle manovre a velocità ridotta. 

     

    Le forze in gioco 

    Le barche di classe AC75 sono lunghe 75 piedi, poco meno di 23 metri, pesano 6,5 tonnellate e la superficie totale delle vele supera i 200 metri quadrati. Sono proprio questi numeri, assieme ad un equipaggio di undici velisti, a permetter loro di raggiungere le sopracitate velocità e di creare forze in gioco che classificano oggi la vela come sport estremo a tutti gli effetti. 

     

    La forza G laterale cui gli le squadre sono sottoposte a bordo raggiunge gli 1,5G e, in queste situazioni limite, qualsiasi inconveniente può avere conseguenze catastrofiche. Durante le fasi iniziali di PRADA Cup, la competizione preliminare all’America’s Cup che ne ha decretato il challengersi è assistito ad incidenti di diverso tipo che, in un particolare caso, ha creato danni non indifferenti alla barca. 

    Patriot, l’imbarcazione di American Magic, durante i round robin, è stata protagonista di una scuffia che ha causato una falla nello scafo e ha costretto al ritiro la squadra statunitense. Tornata in regata in semifinale contro Luna Rossa Prada Pirelli, gli americani non sono riusciti a qualificarsi per la fase finale. Gli altri incidenti classici cui queste barche possono incappare sono la cosiddetta impennata e l’ingavonata, o nose diving, che avviene quando la prua si impunta nell’acqua e causa una decelerazione improvvisa, come successo ad Emirates Team New Zealand durante una regata di prova contro Ineos Team UK. 

     
     

    I monoscafi volanti della 36^ America’s Cup presented by PRADA, dopo i catamarani volanti della 35^ edizione, segnano un netto stacco con il passato, con performance sempre più impressionanti. Con l’incremento di prestazioni, sono cresciuti i rischi cui gli equipaggi sono sottoposti. Di qui è nato il bisogno di maggiore sicurezza a bordo, e Dainese supporta con la propria tecnologia protettiva entrambi i team in lizza per il trofeo sportivo più antico al mondo.

    PRODOTTI CHE PROTREBBERO INTERESSARTI

    201876169_606_1

    Pro-Speed Back Protector

    Acquista ora
    DAINESE21B.00004NE_SN006026_CLOSEUP03

    Trail Skins Pro Tee

    Acquista ora
    204876017_37F_2 (1)

    Auxagon Waistcoat

    Acquista ora

    ARTICOLI CORRELATI

    Sailing / Tech

    Le regole di America’s Cup: la MotoGP dell’oceano

    Come si svolge una sfida sulle barche a vela più veloci al mondo
    Nautica / Tech

    America’s Cup: come funziona il trofeo più antico al mondo

    Un torneo, quattro formazioni e le barche a vela più veloci degli oceani