DEMONEROSSO
Search Dainese

    Joan Mir è il nuovo campione del mondo di MotoGP

    di DemoneRosso | 04 dicembre 2020
    #Performance

    Non si vince mai per caso. Soprattutto in un campionato di quattordici garenella massima serie del motociclismo. Si dice che il campione abbia sempre ragione, ed è proprio così. Chi vince ha fatto qualcosa meglio di tutti gli altri. E Joan Mir si è preparato meglio di tutti a farlo. 

    Per guadagnarsi il diritto a portare il numero 1 inseguito da tutti non basta partire favoriti, e non basta essere veloci. Bisogna crederci sempre, soprattutto nei momenti difficili. E lavorare su ogni minimo dettaglio. Fa la differenza tra arrivare fra i primi, e superare tutti - anche se stessi.

    La storia di Joan Mir è questa. Da inseguitore dietro i riflettori, al tetto del mondo. Joan è uno di quelli con il fuoco dentroTranquillo e mite fuori dalla pistauna volta in sella la concentrazione raggiunge l’apice. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.

    cdfbe59d-be82-484e-8a86-2be28b3241d9

    La sua crescita costante ha portato Joan a maturare ad ogni gara realizzare il suo obiettivo. Il talento da solo non basta: ce l’hanno in tanti, ma solo uno vince. Servono preparazione, duro lavoro per migliorarsi ad ogni giro e sacrifici. 

    Il titolo in Moto3 nel 2017 è solo il preludio: nel 2016 il debutto a tempo pieno nel motomondiale, con la prima vittoria a metà stagione in Austria. L’anno successivo un dominio incontrastato, fatto di dieci successi. Il 2018 nella Moto2 è un periodo di transizione: dopo poche gare arriva la firma che lo porta in MotoGP nel 2019. 

    Il debutto tra i grandi non è semplice, ma Joan sa di non essere lì per casoNel 2020 bastano pochi gran premi per iniziare a raccogliere i frutti. Arrivano il primo podio, una vittoria sfiorata e poi ancora podi. Una consistenza che lo definisce come favorito. 

    35af8466-3440-40db-991d-0a55f4356496

    Joan ha mostrato doti interiori che in pochi possiedono. Soprattutto la capacità di sopportare la pressione nel momento più difficile: “Questo è il mio lavoro ed è bellissimo, le vere pressioni sono altre.”   

    A tre gare dal termine della stagione, quando la classifica gli era già favorevoleanche senza un Gran Premio vinto ha sempre saputo cosa lo ha portato al comando, e ha sempre saputo cosa gli mancava per vincere.  Al momento giusto lo ha trovato e ha messo le mani sul titolo. Una crescita personale e sportiva superiore, che esprime tutto il suo pieno potenziale umano.  

    Non ci sono mete irraggiungibili. Se si può immaginare si può fare, e se si può fare, bisogna prepararsi per farloJoan lo ha fatto. 

     

    Complimenti, Campeon. 

    ARTICOLI CORRELATI

    Motorbike / People

    Giacomo Agostini: debutto con l’inganno e la mitica maglia gialla

    Aneddoti e riti scaramantici del quindici volte campione del mondo
    Motorbike / Events

    Una giornata incredibile a Misano con Valentino Rossi

    Com’è stare in scia al nove volte campione del mondo, al Dainese Riding Master