DEMONEROSSO
Search Dainese

    Le geometrie naturali di Trail Skins Pro e la protezione che diventa libertà

    di DemoneRosso | 08 maggio 2020
    #Ergonomics #Protection

    Protezione e leggerezza vivono in un eterno compromesso. In particolare, in uno sport come la mountain bike, dove la libertà di movimento è fondamentale per il raggiungimento della massima performance, la sicurezza è essenziale per esprimersi al meglio. Il bilanciamento tra protezione ed ergonomia è un obiettivo complesso quanto vitale 

    L’evoluzione tecnologica ha portato alla nascita di biciclette sempre più performanti e capaci di conciliare buona pedalabilità e grandi doti in discesa. L’abbigliamento, e soprattutto le protezioni, hanno dovuto adeguarsi ai nuovi trend e ai nuovi modi di intendere ed utilizzare la mountain bike.  

     CT0SU1_0-1920x0_FDRIN0

    Ispirazione dal mondo naturale  

    Per raggiungere ciò che sembrava irraggiungibile Dainese ha una musa ispiratrice d’eccezione: la natura. Che in milioni di anni di evoluzione htrovato e sperimentato soluzioni efficaci per la protezione della vita. Sin dagli albori del motociclismo moderno, Dainese ha preso ispirazione dal mondo naturale per disegnare i suoi protettori più innovativi. Basta pensare al primo slider, l’Istrice, o al primo paraschiena della storia, realizzato seguendo le forme del carapace dell’aragosta. Ma anche ai modelli più recenti, che riprendono le corazze dell’armadillo, del pangolino, e le forme dei frattali naturali. 

    BTDLQZ_1-1920x0_M4HFXP

    Le forme auxetiche in una ginocchiera 

    Il mondo della mountain bike non fa eccezione. I protettori Trail Skins Pro si ispirano apertamente alle forme auxetiche presenti in natura. Materiali che grazie alla loro particolare struttura molecolare hanno coefficiente di Poisson negativo. Se uno stress in una direzione, la risposta nelle altre direzioni seguirà la deformazione della direzione che ha subito lo stress. Se quindi viene compresso frontalmente si comprimerà anche lateralmente, se invece viene esteso frontalmente tenderà a dilatarsi anche lateralmente.  

    La principale caratteristica dei materiali auxetici quindi è che, se subiscono una distensione o compressione in una direzione, rispondono aumentando o diminuendo la loro dimensione in egual modo in tutte le direzioni. Il risultato è che questi materiali sono capaci di attutire in maniera più efficace gli impatti a cui vengono sottoposti. Applicando questo comportamento al caso dell’assorbimento di un urto, siccome il materiale tenderà a comprimersi in ogni direzione, la struttura si irrigidirà rinforzandosi, fungendo da armatura e limitando potenziali traumi e abrasioni.  

    X8KILD_Trail_Skin_Front_view-1920x0_V53BVDEDLRWB_Trail_Skin_Rear_View-1920x0_PCVXAQ

    Quando la protezione è libertà 

    La tecnologia Dainese derivata dai materiali auxetici è Auxagon, e si concretizza nelle protezioni Pro Shape 2.0. Caratterizzate da incredibile mobilità, traspirazione e leggerezza, la loro superficie traforata raggiunge il 55% del totale, per uno scambio di aria e calore senza precedenti anche durante le giornate più calde.  
    Grazie a queste tecnologie, i protettori Trail Skins Pro hanno un peso molto contenuto, e ottengono la certificazione europea EN 1621.1 di Livello 1.  

    JOAEIR_Dainese_Barel_2019_153_HIGH-1920x0_ROSHEW

    Con Trail Skins Pro non è necessario riporre l’equipaggiamento nello zaino durante le risalite, come succede con grosse e pesanti ginocchiere da downhill, che impediscono un libero movimento nella pedalata. È una protezione progettata per non essere percepita indosso.  

    Ecco che il bilanciamento perfetto tra protezione e leggerezza, si avvicina sempre di più fino al suo completo compimento. La sicurezza è vera libertà. 

    ARTICOLI CORRELATI