DEMONEROSSO
Search Dainese

    Consigli per affrontare vacanze o gite fuoriporta con la massima sicurezza e comodità.

    Di DemoneRosso | 02 agosto 2022 | 1 min

    Contenuti dell'articolo

    Viaggiare in moto in sicurezza richiede alcune attenzioni fondamentali
    Prima di partire controlla la pressione delle gomme, l’usura dei freni e della trasmissione, la condizione delle luci e i documenti
    Per viaggiare al meglio puoi procurarti qualche accessorio come la borsa da serbatoio, un kit antipioggia, un sistema di interfono e uno zaino con sacca idrica

    Ci sono diversi modi di vivere la propria passione per le due ruote. C’è chi è focalizzato sulla guida in pista e ama la velocità pura; chi invece predilige le strade sterrate, i boschi e la natura selvaggia. C’è poi anche un’altra categoria di motociclisti: i viaggiatori. Per loro, dietro ogni nuovo viaggio in moto si nasconde un’avventura, una scoperta di luoghi e persone. In effetti, per gli appassionati, viaggiare in sella a una moto è tra le cose più belle che si possano fare. Ma come per ogni cosa, bisogna essere attrezzati e avere qualche attenzione affinché l’esperienza sia priva di intoppi. Eccoti dunque una lista di consigli su cosa controllare e di cosa munirsi prima di partire per un viaggio in moto. 

     
    Verifica la pressione e l’usura degli pneumatici 

    Non richiede alcuno sforzo ma allo stesso tempo è fondamentale: prima di partire per un viaggio in moto, controlla sempre la pressione e l’usura degli pneumatici. Sono il punto di contatto tra la moto e l’asfalto e per questo influiscono molto sulla dinamica di guida. Per controllare la pressione puoi pensare a un manometro digitale, pratico, preciso e poco ingombrante, mentre per controllare l’usura basta…osservare con attenzione. La legge dice che gli intagli del battistrada non devono scendere sotto i 1,6 mm, ma a parte questo controlla che il consumo sia avvenuto in maniera omogenea: moto che hanno percorso soltanto autostrada tendono ad avere un profilo del battistrada piatto, generando una strana e pericolosa sensazione quando si scende in piega.  

    Controlla la trasmissione finale 

    Se hai una moto con trasmissione a cardano non devi preoccupartene; in tutti gli altri casi invece sì. Un controllo generale sullo stato della trasmissione finale (catena - corona - pignone) è sempre una buona abitudine. Se la catena è secca va lubrificata, ma prima è sempre meglio pulirla aiutandoti con un pennello e un prodotto specifico per la pulizia. Nel caso però in cui i denti della corona e del pignone siano eccessivamente usurati (diventano sempre più sottili col passare del tempo), ti conviene sostituire tutto il gruppo. Infine controlla il gioco della catena, che dev’essere compreso nell’intervallo indicato dal costruttore. Se va corretto, puoi regolarne autonomamente la tensione se hai buona manualità e gli attrezzi necessari, altrimenti ti conviene rivolgerti a un professionista. 

     

    Non sottovalutare le luci della moto 

    Sono spesso sottovalutate, eppure le luci sono tra le componenti più importanti, per chi viaggia in moto. Potrebbe capitare di doversi spostare di notte, oppure il cielo potrebbe improvvisamente incupirsi. Senza contare che, con luci non funzionanti, si incorre in una sanzione. Controlla sempre anche gli indicatori di direzione. 

     

    Accertati che i freni siano in buono stato 

    È quasi scontato, ma in fondo non costa nulla ricordartelo. Prima di partire per un viaggio in moto, controlla lo stato dei freni. In particolare l’usura delle pastiglie, visibile a occhio nudo senza dover smontare nulla: essendo un circuito chiuso, l’usura delle pastiglie è direttamente collegata al livello dell’olio dei freni. Perciò quando il livello dell’olio sarà al minimo, probabilmente sarai arrivato al limite delle pastiglie. Puoi comunque fare un ulteriore controllo “a vista”, controllando il livello delle scanalature direttamente sulle pastiglie. Per il controllo dell’olio invece, affidati a un meccanico: saprà dirti se è meglio spurgare l’impianto oppure no.  

    AGV Tourmodular


    Casco modulare leggero, comodo e iper-protettivo, con predisposizione per sistema di comunicazione DMC integrato. Progettato per il massimo comfort e sicurezza in lunghi viaggi.
    Acquista ora

    Assicurati che i documenti siano in regola 

    Come nel caso delle luci, anche il controllo dei documenti è spesso sottovalutato, ma come immaginerai è di vitale importanza. Non ci vuole molto: controlla giusto il libretto (devi essere in regola con la revisione) e che l’assicurazione sia attiva. Dai un’occhiata anche alla patente, che non sia scaduta! 

    Dopo aver passato in rassegna le cose che devi assolutamente controllare prima di partire per un viaggio in sella alla tua moto, vogliamo darti qualche consiglio anche sull’equipaggiamento che potrebbe rivelarsi utile nel corso del viaggio. 

     

    Borsa da serbatoio 

    Per portare con te gli accessori necessari a un viaggio in moto, ti occorre spazio di stiva. Perciò meglio cominciare montando delle borse sulla moto, e una delle più utili è la borsa da serbatoio. È la più comoda da utilizzare ed è quella dove si ripongono oggetti fondamentali come il portafoglio, lo smartphone, il Telepass, ecc. Per ridurre al minimo il rischio di rompere o rovinare questi oggetti delicati durante la guida, assicurati che la borsa da serbatoio sia munita di un sistema di aggancio magnetico, oltre alle classiche cinghie; meglio ancora se è realizzata in materiale waterproof. Tutte caratteristiche della Dainese D-Tanker! 

     

    Kit antipioggia 

    Chi viaggia spesso in moto lo sa bene: non essere attrezzati durante un temporale può essere estremamente fastidioso…Pochi minuti in moto sotto un acquazzone equivalgono a un tuffo in piscina. Ti consigliamo quindi di portare sempre con te un kit antipioggia composto da giacca e pantaloni, oppure più semplicemente una tuta intera antipioggia, soprattutto se vuoi il massimo della protezione. 

     

    Interfono 

    Un accessorio molto utile se si viaggia in compagnia è l’interfono, strumento conosciuto ai più perché permette la comunicazione tra pilota e passeggero. Ma in realtà non è solo questo. L’interfono ha infatti tantissimi vantaggi: permette di ascoltare il navigatore, di rispondere alle chiamate o ascoltare indicazioni sul traffico via radio. Ti consigliamo di dare uno sguardo ad AGV INSYDE, progettato appositamente per il casco Tourmodular, che utilizza una tecnologia chiamata DMC, più stabile e qualitativa del classico sistema Bluetooth.

     

    Zaino con sacca idrica 

    Potrà sembrarti banale, eppure rimanere idratati durante una rovente sessione di guida (per esempio in estate, in luoghi particolarmente afosi) è spesso sottovalutato. Non ci pensiamo, spesso sopraffatti dalla concentrazione sulla guida, ma le esigenze fisiologiche rimangono fondamentali. In questo senso, uno zaino con sacca idrica risolve il problema: non dovrai più fermarti per bere durante il tuo viaggio. L’Alligator Backpack dispone di una sacca interna da 2 litri rivestita in materiale isolante, per mantenere fresca la temperatura dell’acqua. 

      
     
    Come avrai capito, non sono poche le cose a cui prestare attenzione prima di partire per un viaggio in moto. Alcune possono sembrarti noiose, ma possiamo garantirti che il tuo viaggio avrà tutto un altro sapore, con la sicurezza di non dover pensare a nulla se non a goderti la guida. 

    PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

    201251E4OY_004_1 (1)

    AGV Tourmodular

    Acquista ora
    DAINESE22AGV.00005GH_SN007073_CLOSEUP01 (2)

    AGV Insyde

    Acquista ora
    DAINESE22M.00004ZG_SN006460_CLOSEUP02

    Smart Jacket LS

    Acquista ora

    ARTICOLI CORRELATI

    Motorbike | How to

    Come vestirsi per andare in moto: consigli per tutte le stagioni

    Una guida dettagliata su come vestirsi in modo ottimale per andare in moto, qualunque sia il clima
    Motorbike | Tech

    Come scegliere il perfetto casco da turismo

    Protezione, leggerezza, praticità e comfort: le caratteristiche essenziali dei modulari