DEMONEROSSO
Search Dainese

    Dall’inventore del paraschiena e dell’airbag, ecco la guida definitiva

    Di DemoneRosso | 15 aprile 2021 | 1 min

    Contenuti dell'articolo

    La marcatura CE distingue i capi sicuri e testati in laboratorio, con prove d’impatto effettuate dagli Enti Notificati
    Lo standard tecnico applicabile ai paraschiena e ai protettori è lo Standard UNI EN 1621, che prevede due livelli di protezione
    Le protezioni di Livello 2 sono il riferimento, trasmettono fino al 50% di energia in meno rispetto a quelle di Livello 1
    Gli airbag come D-air® sono così avanzati da non rientrare nello standard: Dainese, con la collaborazione dell’ente certificatore ha creato un nuovo disciplinare ad hoc
    Gli airbag D-air® hanno la capacità di assorbire le forze di un urto fino a 7 volte quella di un paraschiena di livello 1

    Proteggersi – bene - in moto è fondamentale. Dagli anni ‘70, quando Dainese inventò il primo paraschiena, di strada ne è stata fatta. Le protezioni fanno ormai parte del corredo essenziale di qualsiasi motociclista, ma non bastano prodotti qualunque: questi devono essere certificati da un Ente Notificato che ne dichiari la qualità protettiva e rispondere ai requisiti minimi stabiliti dal Regolamento (UE) 2016/425.

    Lo standard UNI EN1621 è la normativa generale cui devono rispondere tutti i protettori, è poi suddivisa in parti che identificano le diverse zone del corpo. Per essere certificati, questi prodotti devono superare severi test di laboratorio che ne attestino il livello protettivo e permettano ad essi di ottenere il “bollino di qualità”. 

    I protettori possono essere certificati da soli, usando le parti dello standard EN1621, o assieme al capo in cui vengono integrati; in quest’ultimo caso, si fa riferimento allo standard EN 17092:2020 che al suo interno, a seconda dell’area del corpo coperta dal protettore, richiama la parte pertinente della EN1621. Lo scopo primario è chiaro: assicurare che l’elemento protettivo non si sposti rispetto all’area da proteggere in caso di caduta o incidente dell’utilizzatore.

    Rappresentazione dell'assorbimento della forza di un paraschiena di Livello 1 e Livello 2
    Rappresentazione dell'assorbimento della forza di un paraschiena di Livello 1 e Livello 2

    Paraschiena di Livello 1 o 2? Facciamo chiarezza 

    paraschiena certificati, elemento irrinunciabile paragonabile al casco, sottostanno alle prescrizioni della parte 2 dello Standard applicabile, l'UNI EN1621/2. Per accertare l’efficacia dei paraschiena questi sono sottoposti a numerose prove di impatto con un impattatore appuntito di tipo kerbstone, che simula la casistica di un incidente nel quale la schiena del motociclista che lo indossa impatta contro una superficie spigolosa (ad esempio, il bordo di un marciapiede).  

    La forza trasmessa alla schiena determina la classificazione del paraschienaIn una serie di test d’impatto con impressa un' energia battente di 50J, un dispositivo di livello 1 può trasmettere al corpo una forza media minore o uguale a 18 kN e nessun valore d’impatto singolo deve superare i 24 kN. Un paraschiena di livello 2, il migliore e più protettivo, invece deve trasmettere una forza media minore o uguale a 9 kN e nessun valore singolo deve superare i 12 kN.  

     

    Il livello di sicurezza è riportato sul pittogramma CE applicato al paraschiena, che indica anche l’area di protezione. Questa è distinta in CB, che sta per “center back” e FB, per full back, cioè “schiena intera”. La distinzione è fondata sull’area coperta in senso orizzontaleun paraschiena center back protegge la colonna vertebrale, un paraschiena full back è più esteso ai lati, a protezione anche delle scapole. 

    Featured_backprotector

    I paraschiena Dainese


    Leggerezza, traspirazione, copertura e assorbimento degli impatti. Oggi, c'è una soluzione per tutte le esigenze.

    Acquista ora

    Gli airbag: Dainese chiede lo sviluppo di uno standard di certificazione adeguato 

    Per quanto riguarda le protezioni airbag, l’attuale Standard tecnico europeo disciplina unicamente gli airbag ad “attivazione meccanica”, con la EN1621.4. I sistemi Dainese D-air® ad attivazione elettronica, sono talmente avanzati e innovativi che vanno ben oltre i limiti previsti da tale standard. Per questo motivo Dainese e l’ente certificatore esterno hanno dovuto colmare il vuoto normativo per offrire un’indicazione chiara sullo standard protettivo dei dispositivi D-air®. Il disciplinare apposito che ne è nato utilizza come riferimento gli standard richiesti dalla EN1621/4 (airbag meccanici).

    Il procedimento prevede una serie di test d’impatto sul sacco Dainese D-air® effettuati secondo gli standard della norma 1621/4: per il livello 1 la soglia di forza trasmessa al corpo non deve essere superiore a 4,5 kN, mentre per il livello 2 sono 2,5 kN.

    Rappresentazione dell'assorbimento della forza di un airbag di Livello 1 e Livello 2
    Rappresentazione dell'assorbimento della forza di un airbag di Livello 1 e Livello 2

    Si tratta di un metodo per colmare una lacuna normativa, che ad oggi non prevede alcuna certificazione per gli airbag ad attivazione elettronica: i più avanzati, intelligenti, e che offrono il più alto grado di sicurezza.

    Sul mercato esistono anche sistemi che utilizzano come espediente l’integrazione di un protettore rigido al sacco airbag. La norma 1621/4 prevede infatti la possibilità di certificare i due protettori in abbinata, come somma delle capacità protettive di entrambi. In tal modo è sufficiente sfruttare le doti di un paraschiena di Livello 2 ad un sacco dalle modeste caratteristiche per ottenere, ad esempio, una certificazione di Livello 1 secondo la 1621/4. In tale modo non viene chiarita quindi la performance protettiva del solo airbag.

    Style_1_Social_1_SMART_JACKET_Post_1

    Dainese Smart Jacket


    La protezione della più avanzata tecnologia airbag Dainese D-air® utilizzata in MotoGP™ in un gilet versatile, adatto ad ogni motociclista.

    Acquista ora

    I protettori per gli arti 

    Per quello che riguarda le protezioni per gli arti (ad esempio gomiti, spalle, ginocchia, fianchi), la loro certificazione è disciplinata dalla parte 1 della normativa EN1621. In questo caso, sui protettori viene applicata un'energia longitudinale da 50 Joule (con un’incudine da 5 kg fatta cadere da un metro di altezza). In una protezione di livello 1, il valore medio di forza residua rilasciata al corpo deve essere al massimo di 35 kN, mentre per una di livello 2 tale valore deve essere massimo di 20 kN. 

    Rappresentazione dell'assorbimento della forza di un protettore arti di Livello 1 e Livello 2
    Rappresentazione dell'assorbimento della forza di un protettore arti di Livello 1 e Livello 2

    L’importanza dell’etichetta CE

    È anche alla luce di quello che abbiamo appena detto che è importante saper leggere le etichette dei prodotti e le marcature dei protettori per arti: dietro sigle e numeri altrimenti incomprensibili si nasconde la chiave per un viaggio in moto sicuro e ben protetto.   

    PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

    DAINESE21M.00004SG_SN006208_CLOSEUP01 (1)

    Smart Jacket

    Acquista ora
    201D20021_22A_F

    Racing 3 D-air®

    Acquista ora
    201876169_606_1 (1)

    Pro-Speed Back Protector

    Acquista ora
    201876158_001 (1)

    Pro-Armor Back Protector

    Acquista ora

    ARTICOLI CORRELATI

    Motorbike / Tech

    Ad ognuno il suo

    La guida per scegliere il tuo prossimo paraschiena Dainese
    Motorbike / Tech

    La sfida dell'aria

    D-air® e i segreti che trasformano un gas in protezione