DEMONEROSSO
Search Dainese

    Ti spieghiamo le membrane impermeabili, i materiali e le loro costruzioni

    Di DemoneRosso | 11 ottobre 2022 | 1 min

    Contenuti dell'articolo

    La membrana può essere integrata nel capo con costruzioni di diverso tipo, laminata, flottante o removibile
    Una membrana 100% impermeabile non esiste, è sempre un compromesso tra resistenza all’acqua e traspirazione
    I capi laminati sono i preferiti da chi vuole macinare chilometri e affrontare ogni condizione
    I capi a membrana flottante riparano meglio degli altri dal freddo e presentano una costruzione più semplice
    La membrana removibile è la soluzione più versatile e dà vita a un capo quattro stagioni

     

    Esistono tanti tipi di capi impermeabili, costruiti in modo diverso, con punti di forza e caratteristiche differentiE per molti, capire quale sia il più adatto alle proprie esigenze non è affatto semplice. 

    Partiamo da un’evidenza fondamentale: tutti i capi impermeabili integrano, in un modo o nell’altro, una membrana impermeabile. Una sottilissima fodera contenente milioni di minuscoli fori, ne sono esempio la membrana Gore-Tex® e la membrana D-dry®, sviluppata internamente da Dainese. Questi fori sono talmente piccoli da non permettere il passaggio delle gocce d’acqua, ma sufficientemente larghi da permettere il passaggio dell’aria calda e umida generata dal corpo.  

    Il pregio di una membrana è proprio questo: mantiene asciutti dall’esterno, non facendo entrare l’acqua, e dall’interno, permettendo all’umidità di uscire. Giacche laminate, giacche con membrana flottante e giacche con membrana removibile: il tipo di capo è definito da come la membrana è integrata al suo interno. 

     

    Come funziona una membrana 

    Facciamo subito chiarezza: non esiste membrana al 100% impermeabileLa performance di una membrana è misurabile grazie all’indicazione sulla colonna d’acqua. Questa deriva da un test effettuato in laboratorio in cui un tubo di 2,5 cm di diametro è posizionato su un pezzo della membrana in questione. L’acqua viene versata nel tubo e si misura la quantità che questa può raggiungere prima che la pressione sul materiale diventi tale da far penetrare l’acqua attraverso il materiale stesso. Un valore di 20.000 mm, ad esempio, significa che la colonna d’acqua sarà virtualmente alta 20 metri affinché la pressione sia tale da far penetrare l’acqua attraverso la membrana. 

    A questo punto è semplice capire che per creare una membrana con una migliore resistenza all’acqua è sufficiente diminuire il numero dei fori presenti in essa. Il rovescio della medaglia sarebbe però in questo caso quello di ottenere un capo meno traspirante. 

    È bene precisare che il classico effetto della goccia d’acqua che scivola su un tessuto senza impregnarlo non è dovuto alla presenza della membrana. Il merito è, in questo caso, del trattamento idrorepellente DWR applicato al tessuto. DWR sta per Durable Water Repellent, ma il suo effetto non è eterno. È un trattamento che perde fisiologicamente efficacia nel tempo, con l’utilizzo e con i lavaggi. 

     

    I capi laminati 

    I capi laminati sono tradizionalmente i più amati dai tourer, da chi vuole poter attraversare un continente facendo fronte a tutte le condizioni meteorologiche, senza temere il maltempo. Per ottenere questo risultato, la loro costruzione è particolarmente sofisticata. Nei capi laminati la membrana Gore-Tex® o D-dry® è integrata in modo unico, per offrire la miglior performance di protezione dagli elementi. 
     
    La struttura dei capi laminati prevede una membrana accoppiata al tessuto più esterno. Il grande punto forte dei capi laminati è che, dal momento in cui l’acqua viene subito bloccata dalla membrana, non arrivano al punto di inzupparsi d’acqua. Il tessuto esterno potrà bagnarsi superficialmente, ma non sarà mai fradicio. Questo diventa un vantaggio anche nel caso in cui sia necessario indossare nuovamente il capo dopo poche ore o a fine giornata: ci saranno alte probabilità che nel frattempo si sia asciugato. 

    Le prese d’aria in un capo laminato sono poi più efficaci rispetto a quelle presenti nei capi con membrana flottante. Questo perché nei capi laminati la particolare costruzione delle aperture permette il passaggio dell’aria senza che questa incontri lo scudo della membrana. Le presa d’aria di questo tipo richiedono chiusure zip a tenuta stagna 

    23FW-101

    Le giacche Touring Dainese


    Comfort e protezione in tutte le condizioni, dal commuting urbano ai lunghi viaggi nelle condizioni più estreme.

    ACQUISTA ORA

    La membrana flottante 

    capi con membrana flottante D-dry® sono i più semplici da realizzare e sono molto diffusi grazie al loro prezzo più accessibile. Prezzo accessibile che, però, non significa necessariamente performance inferiori. In questo tipo di capi la membrana è inserita tra il tessuto esterno e la fodera internaquindi non removibile.  

    Il principale vantaggio dei capi con membrana flottante rispetto agli altri è la protezione dal freddo. Per natura, l’aria presente tra il tessuto esterno e la membrana funge da efficace isolante tra il corpo e l’atmosfera, mantenendoci al caldo anche quando le temperature si fanno molto rigide. 

    In caso di pioggia il funzionamento di questi capi è eccellente e ci manterrà all’asciutto per parecchie ore. Ma è proprio dopo parecchie ore di esposizione all’acqua che inizia a raggiungere il suo punto critico. Esternamente il capo tenderà a inzupparsi, dandoci la spiacevole sensazione di indossare un capo bagnato, anche se in effetti il nostro corpo è ancora asciutto grazie alla membrana.  

    Springbok 3L Absoluteshell, giacca quattro stagioni a tre strati
    Springbok 3L Absoluteshell, giacca quattro stagioni a tre strati

    Quattro stagioni 

    Il grande punto a favore dei capi con membrana removibile è la versatilità. Potendo rimuovere totalmente la membrana è possibile ottenere diverse configurazioni del capo, giocando anche con le ampie prese d’aria. In questo modo si ottengono dei veri capi quattro stagioni, sia con membrana Gore-Tex® che D-dry®. Dalla configurazione invernale, con membrana, imbottitura termica e prese d’aria chiuse, a quella estiva, senza membrana né imbottitura e con prese d’aria aperte, occorrono pochi minuti e pochi gesti. È questa la miglior soluzione per avere un capo adatto tutto l’anno. 

    I capi con membrana removibile presentano alcune caratteristiche comuni a quelli con membrana flottante. Non essendo questa accoppiata al tessuto esterno come nei capi laminati il rischio, dopo molte ore di esposizione alla pioggia battente, è di ritrovarsi con un capo bagnato all’esterno. 

     

    Se la percorrenza chilometrica è limitata è indubbiamente conveniente valutare l’acquisto di un capo con membrana flottante, soprattutto se si intende usare la moto solo in caso di bel tempo. Più il chilometraggio aumenta, più aumentano anche le probabilità di incontrare pioggia. Per chi usa la moto tutti i giorni, anche durante l’inverno, un completo laminato è sicuramente un ottimo investimento. Per chi vuole una giacca versatile che si adatti ad ogni stagione la scelta ideale è un capo con membrana removibile ed ampie prese d’aria, per affrontare senza problemi anche le giornate più calde.   

    PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

    DAINESE23M.00005W5_SN007637_CLOSEUP01

    Hekla Absoluteshell™ Pro 20K Jacket

    Acquista ora
    DAINESE23M.00005W3_SN007635_CLOSEUP01

    Springbok 3L Absoluteshell™ Jacket

    Acquista ora
    DAINESE22M.00005HM_SN007114_CLOSEUP01

    Tempest 3 D-Dry Jacket

    Acquista ora
    201654618_65C_F

    Tonale D-Dry Jacket

    Acquista ora

    ARTICOLI CORRELATI

    Motorbike | Tech

    Come scegliere i guanti da moto per viaggiare

    In pelle o tessuto, impermeabile o traforato: ecco le soluzioni e come orientarsi nella scelta
    Motorbike | Tech

    Come funzionano le certificazioni di giacche e pantaloni da moto?

    Dagli inventori delle protezioni, la guida completa