DEMONEROSSO
Search Dainese

    Guida alle discese meno battute, da scoprire e sciare almeno una volta

    Di DemoneRosso | 15 dicembre 2021 | 1 min

    Dolomiti Superski, con i suoi 1.246 chilometri di piste, è il più grande comprensorio sciistico d’Italia, e uno dei più estesi e celebri al mondo. 

    Se in tanti conoscono la Saslong o la Gran Risa, celebri per ospitare prove di Coppa del Mondo, non molti sanno che, negli oltre 3.000 chilometri quadrati del comprensorio si nascondono alcune chicche innevate che si fanno apprezzare per tantissimi motivi. 

    Ci siamo consultati con i nostri atleti e con i tecnici di Dolomiti Superski, coloro che curano le piste tutti i giorni e in tutte le stagioni, e ne conoscono tutti i segreti. Ecco i nostri consigli per scoprire le discese meno battute e che forse non conoscevi. 
     
     

    Alta Badia | Pista 9A Pralongià - San Cassiano 

    Difficoltà: facile 

    Lunghezza: 2,8km

    Facile da percorrere e con pendenze contenute, la pista che collega il Pralongià al Piz Sorega è indicata per chi cerca un percorso poco impegnativo dal punto di vista tecnico, ma divertente per la lunghezza (2.829 metri). Ha pendenze dolci per curvare in tutta libertà e beneficia di un’illuminazione costante durante il giorno. Ma è da scoprire soprattutto per gli amanti dei panorami delle Dolomiti: al tramonto, da questa posta, si può vedere l’enrosadira, quel fenomeno per cui le cime delle montagne assumono la caratteristica e inconfondibile colorazione rossastro-viola nelle ore in cui il sole sorge e cala.  

     

    San Martino di Castrozza | Pista Castellazzo  

    Difficoltà: media 

    Lunghezza: 2,2km

    Parlare di Castellazzo significa parlare di tre piste distinte da un numero progressivo (dall’1 al 3) e caratterizzate da numerose varianti che le mettono in comunicazione tra di loro. Le tre Castellazzo sono equivalenti per difficoltà e si snodano con continui cambi di pendenza, lungo pendii privi di vegetazione. Come la Fiamme Gialle di cui parliamo più avanti, sono state scelte come luogo di allenamento della nazionale italiana paralimpica di sci in vista delle Olimpiadi del 2018. 

     

    Passo Rolle | Pista Fiamme Gialle 

    Difficoltà: media 

    Lunghezza: 2,2km

    Si trova al Passo Rolle questa pista omologata per le gare di slalom speciale. La pista è caratterizzata da un “muretto” poco sopra l’arrivo della seggiovia Ferrari. Questa pista è l’alternativa più facile rispetto alla Paradiso 1 ed è consigliata a chi vuole ammirare il panorama dalla terrazza naturale posta all’arrivo della seggiovia, senza dover per forza affrontare una pista nera. 

     

    Arabba | Pista Sourasass 

    Difficoltà: media-difficile 

    Lunghezza: 3,3km

    È una delle quattro piste che collegano Porta Vescovo ad Arabba. La più varia e ripida, oltre che la meno frequentata, è proprio la nera Sourasass. Quasi tre chilometri di emozioni, con un dislivello di oltre 700 metri e pendenze massime che toccano il 45%, mentre la pendenza media è del 25%. Nonostante questi dati possano intimorire, la larghezza del tracciato è di 27 metri, il che garantisce un'ottima sciabilità. In più, l'esposizione a nord garantisce neve di qualità invernale fino a primavera.  

     

    Cortina d’Ampezzo | Pista Vitelli 

    Difficoltà: media 

    Lunghezza: 1,7km

    Si trova nella skiarea Tondi - Faloria ed è una delle piste più famose del Comprensorio sciistico di Cortina d'Ampezzo: qui ha avuto luogo lo slalom gigante maschile nelle Olimpiadi del 1956. La pista si divide in Vitelli Alta (nera) e Vitelli Bassa (rossa) e, pur essendo piuttosto stretta, è molto godibile per l’alternanza di muretti e falsipiani. Anche se è situata in una skiarea molto frequentata, si trova lontano da impianti e rifugi: passa per lunghi tratti in mezzo al bosco, e garantisce un contatto diretto con la natura del luogo.  

     

    Alpe di Siusi | Pista Hexe/Strega 

    Difficoltà: facile 

    Lunghezza: 700m 

    Una delle tante leggende che popolano la storia dell’Alpe di Siusi riguarda quella di una vecchia strega che viveva da quelle parti e frequentava la vetta del monte Bullaccia, dove si sedeva per ammirare il panorama di cui si poteva godere da lassù. Oggi quella strega dà il suo nome a questa pista (anzi, alle due piste gemelle, ossia la Hexe/Strega 1 e 2) particolarmente amata dalle famiglie e dai bambini perché facile da percorrere e baciata dal sole. La pista Hexe/Strega 1 è una discesa blu, mentre la Hexe/Strega 2 è una rossa lunga 700 metri e 87 di dislivello. 

    nucleo quadro grande (1)

    Nucleo MIPS Pro


    Casco da sci con costruzione ibrida, leggero e aerodinamico. Con sistema MIPS, chiusura micrometrica ed esclusiva grafica racing. Progettato per la massima protezione.
    Acquista ora

    Obereggen | Pista Oberholz 

    Difficoltà: media 

    Lunghezza: 2,7km

    Per molti ma non per tutti: il comprensorio del Latemar vanta sei piste da provare almeno una volta se si è in cerca di emozioni forti. Per affrontarle e apprezzarne appieno le caratteristiche serve però una discreta tecnica. Si parte con la Oberholz, che è stata la prima pista dell’impianto sciistico inaugurato nel 1970, oltre a essere la più nota: i suoi 2.750 metri, abbinati a oltre 500 metri di dislivello, hanno ospitato numerose edizioni della Coppa Europa, a testimonianza di come il suo tracciato sia uno dei più completi e vari offerti dalle Dolomiti. 

     

    Obereggen | Pista Maierl 

    Difficoltà: difficile 

    Lunghezza: 1,6km

    Decisamente più impegnativa della precedente, la Maierl è una delle nere per eccellenza. Non è un caso che qui si tenga lo slalom valevole per la Coppa Europa. I dati parlano per lei: 1.600 metri di lunghezza, larghezza media di 53 metri, pendenza massima del 55% e 433 metri di dislivello. Insomma, la classica striscia di neve su cui sfrecciare verso valle. 

     

    Pampeago | Pista Pala di Santa 

    Difficoltà: facile o difficile, a seconda della variante 

    Lunghezza: 2,3km

    La pista Pala di Santa inizia sul soleggiato altipiano posizionato a 2.400 metri di quota. Per chi vuole scendere a valle vi sono due alternative. La prima è decisamente facile e offre una vista panoramica tra le più belle del comprensorio. La seconda è molto impegnativa, ed è il vero motivo che questa pista è così apprezzata dagli amanti del ripido. Stiamo parlando del Muro di Santa, un tratto che vanta la pendenza da urlo del 58%. 

     

    Pampeago | Pista Agnello 

    Difficoltà: media 

    Lunghezza: 2,6km

    Lunga e larga, la Agnello è una delle piste più note del comprensorio. Questa autostrada delle nevi ha un fondo regolare e curvoni molto lunghi, che offrono grande divertimento. Dall'Alpe di Pampeago si scende su un primo tratto rosso. Nella parte iniziale non è ripida, ma se consideriamo anche la variante del ripido Muro (350 metri di lunghezza), ecco che diventa una pista da gara, molto tecnica e con tante possibili traiettorie. La Agnello non è però solo una pista per gli amanti dello sci: i 2,6 chilometri di lunghezza si snodano infatti attraverso RespirArt, una galleria d’arte open air tra le più ad alta quota del mondo, composta da numerose opere realizzate in legno ed altri materiali. 

     

    Predazzo | Pista Cinque Nazioni  

    Difficoltà: media-difficile 

    Lunghezza: 2,6km

    Era su questa pista che negli anni ‘70 i migliori sciatori d’Italia, Austria, Svizzera, Francia e Germania si davano battaglia per aggiudicarsi la Coppa delle Cinque Nazioni, a cui deve il nome. Si tratta di una “rossa” abbastanza impegnativa che dispone di numerose varianti, grazie alle quali è possibile sciare lo stesso versante della montagna scendendo ogni volta da una pista diversa.  

     

    Latemar | Pista Torre di Pisa 

    Difficolta: difficile 

    Lunghezza: 1,5km

    Si chiama così perché prende il nome dalla celebre guglia dolomitica del Latemar e del suo rifugio. Questa pista nera vanta la massima pendenza tra quelle dello Ski Center Latemar: 59 per cento con un dislivello totale di 459 metri, per una lunghezza totale di appena 1.500 metri. Insomma, una scarica di adrenalina, abbinata a un panorama che spazia dalle Pale di San Martino all’Adamello. Non è particolarmente assolata, anzi: i suoi muri sono spesso ghiacciati. Per i principianti, meglio passare oltre. 

     

    Qualsiasi sia la pista che ci prepariamo ad affrontare. Difficile o facile, è bene prepararsi sempre nel migliore dei modi. E per affrontare ogni sciata senza preoccupazioni, potendosi concentrare al massimo sulla prestazione o sul divertimento, è necessario proteggersi. Casco e paraschiena, soprattutto, sono fondamentali su ogni discesa. 

    PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

    DAINESE21S.00004U3_SN006267_CLOSEUP03 (1)

    R001 Carbon

    Acquista ora
    DAINESE21S.00004T2_SN006230_CLOSEUP01

    HP Diamond ll S+

    Acquista ora
    204876017_37F_2 (2)

    Auxagon Waistcoat

    Acquista ora
    204815951_Y60_1 (1)

    HP Ergotek Pro Gloves

    Acquista ora

    ARTICOLI CORRELATI

    Winter | How to

    Come scegliere il casco da sci?

    I consigli di Dainese: cosa sapere prima di acquistare un nuovo casco per sciare
    Winter / Tech

    Dainese Nucleo: il design segue la sicurezza

    Cambiare le regole di progettazione dei caschi da sci per proteggere di più, dove serve davvero